Rivolta d'Adda.info

Prolungamento MM3 Paullo

  • Pubblicato in data: 03/12/2008
  • Fonte: La Provincia - Quotidiano di Crema e Cremona, La Cronaca, Blog AltoCremasco, SottoMilano.it, Assessorato Trasporti Regione Lombardia

Roberto Regazzoli è stato membro dal 2006 al 2011 della Consulta interprovinciale sui trasporti e viabilità. Uno dei progetti più attivi è il prolungamento della linea metropolitana 3 da San Donato a Paullo.
Abbiamo deciso d'ora in poi di pubblicare articoli, discussioni e progetti in merito a tale progetto in questa pagina speciale.

Team ateRgroup
05/12/2008


Abbiamo pubblicato solo alcuni articoli (i più significativi e recenti) di tutti gli schieramenti perché questo "speciale" di ateRgroup.com non vuole essere vincolato da nessun partito politico. Se vuoi promuovere questo speciale e questi articoli clicca promuovi questa pagina o segnala il sito www.rivoltadadda.info

06 Aprile 2010
20 Gennaio 2010
01 Aprile 2009
05 Dicembre 2008
04 Dicembre 2008
03 Dicembre 2008

Dettagli del progetto
Immagine del tracciato in progetto (1,8 Mb)

:: Info
E’ depositato presso la Regione Lombardia, D.G. Infrastrutture e Mobilità, via Taramelli, 20, Milano, il progetto preliminare del prolungamento della linea metropolitana M3 da S.Donato Milanese a Paullo.
L’intervento consente di realizzare un’importante infrastruttura di trasporto nel settore sud–est della provincia di Milano che diffonda nell’area metropolitana la rete di forza milanese, migliorando le connessioni interpolo e con aree di rilevante peso insediativo, e si connetta con il sistema della grande viabilità tangenziale.
I principali standard geometrici del tracciato, che ha una lunghezza di 14,7 km con 8 stazioni, riprendono ovviamente quelli della linea M3 già in esercizio.
Il 54% del tracciato è in sotterraneo, l’8% in trincea (profonda e superficiale), il 27% in superficie (a raso e in rilevato), infine l’11% in viadotto (cavalcavia e ponti).



06 Aprile 2010 (Studio di Metropolitana Milanese S.P.A.)
Studio di Mm sulle metropolitane: 14 milioni di mezzi in meno per tratta

La Metropolitana Milanese Spa ha calcolato l’impatto ambientale e sul traffico delle quattro nuove tratte di metropolitana milanese che si vogliono realizzare nel breve periodo.
Si tratta del prolungamento della Linea 3 a Paullo, della creazione della Linea 4 da San Cristoforo a Linate e della Linea 5 verso Monza.
La Linea 4 porterebbe alla riduzione del traffico per 14 milioni di spostamenti auto annui, con una riduzione della Co2 del 2,1% e delle Pm10 del 1,8%.
La Linea 5 da Garibaldi a San Siro toglierebbe dalle strade 15 milioni di veicoli annui, riducendo il Co2 del 2,1% e le Pm10 del 1,5%.
La Linea 5 da Bignami a Monza porterà una riduzione di 12 milioni di vetture annue, del 1,8% del Co2 e del 1,2% delle Pm10.
Riguardo la Linea 3, che maggiormente interessa l’Alto Cremasco (anche se anche la Linea 4 avrebbe impatto su Rivolta, Agnadello e Vailte, come è noto, con attestazione di vetture e della Linea 31 nei pressi dell’aereoporto) toglierebbe 14 milioni di mezzi dalla strada in un anno, riducendo le Co2 del 2,1% e le Pm10 del 1,8%.
“Si tratta di dati parametrici – spiega Marco Broglia di Mm, che sta seguendo il progetto della Linea 3 a Paullo - Significa calcolati non nel dettaglio, ma basandosi su dati simili di riferimento”.
“I dati parametrici non escono da un calcolo precisio e non vanno quindi presi alla lettera come valori esatti, ma danno comunque un'idea dei benefici ambientali che può portare un sistema di trasporto pubblico su ferro”.
“Ad esempio, per le emissioni si fa una stima delle auto in meno circolanti, si considera un percorso medio e la quota di emissioni di un auto generica: in sostanza, i calcoli parametrici non danno il numero esatto, ma l'ordine di grandezza”.
Però, Broglia è in grado di dire che “per quanto riguarda i passeggeri, sono stati stimati in 30 milioni all'anno sul prolungamento”.
In totale, si tratta in ogni caso di 87.000 auto in meno sulle strade, 52 milioni di spostamenti in meno all’anno e 900 incicdenti evitati. L’anidride carbonica diminuirebbe del 7,5%
Il semplice prolungamento San Donato Paullo risparmerebbe a Milano un punto percentuale di Pm10, undici milioni di passaggi in auto verso il capoluogo e 190 incidenti annui.
Lo ha confermato il presidente di Mm, Lanfranco Senn: “Nel medio periodo, qualsiasi strategia non può prescidenere dal potenziamento delle infrastrutture di trasporto pubblico, in particolare su ferro, a elevate portate, regolarità e basse emissioni”.
A commento, Pierluigi Tamagni definisce i dati chiari e plausibili, che “portano acqua al nostro mulino. Non è con la gomma che si migliora il trasporto pubblico e l'ambiente, ma la cura efficace, vera e moderna, è quella del ferro”.
Tamagni informa che la Commissione 1041, presieduta dal ministro Castelli, non ha più messo veti sul progetto preliminare del prolungamento della metropolitana Linea 3, ma “ha però di nuovo criticato l'eccessivo tracciato in galleria, però questo non impedirà al progetto di andare al Cipe. So con certezza che Mm sta prendendo accordi con il Ministero per calendarizzare la presentazione del progetto al Cipe”.
Il neo consigliere regionale di minoranza Agostino Alloni ha definito i dati di Mm “impressionanti, la dimostrazione di quanto sia miope il modello di sviluppo lombardo, ma anche nazionale, che considera il trasporto pubblico come residuale e secondario rispetto al trasporto privato”.
“Occorre cambiare questo modello di sviluppo. Occorre investire con decisione nel trasporto pubblico, soprattutto quello su ferro, treni e linee metropolitane. Occorre che il Governo e la Regione imbocchino con determinazione questa strada e finanzino senza altri indugi il prolungamento della Linea 3, quella più facile da realizzare e quella che raccoglierebbe utenti da tre direttrici stradali importanti e sature come la Paullese, la Rivoltana e la via Emilia”.
“Invece il presidente Roberto Formigoni non ha nemmeno risposto alla lettera che i consiglieri regionali del Pd Fortunato Pedrazzi e Gianfranco Concordati gli avevano inviato chiedendo un impegno in questo senso prima del voto”.
“Serve una politica nuova. Serve cambiare questa Regione distratta”.
Il sindaco di Pandino, Donato Dolini, più volte in campagna elettorale ha spiegato che con la metropolitana a Paullo il volume di traffico da Sud Milano verso il capoluogo diminuirà di 14 milioni di vetture annue, ovvero di 30 milioni di persone. Per questo “il prolungamento è assolutamente da ottenere”.
“Ma non è la metropolitana a Paullo la chiave dello sviluppo di Pandino come il consigliere regionale Gianni Rossoni ha fatto capire, in campagna elettorale. Anzi, se facilitiamo la percorrenza verso Milano, favoriremo l’arrivo qui di chi si reca ogni giorno a Milano per lavoro ma non vuole o non può viverci. E avremo residenti che, sempre di più, per le loro attività, dipendono da un posto fuori. L’economia non sarà radicata sul territorio. La metropolitana è da avere per ridurre i rischi di incidente sulla Paullese, decongesionarla e portare avanti una politica ambientale. Tutti obiettivi molto ammirevoli, ma che nulla hanno a vedere, come dice Rossoni, con lo sviluppo economico della zona”.
Intanto sono stati riaperti finalmente i lavori nei cantieri per il prolungamento della Linea 3 verso la Comasina, interrotti per circa 1 anno a causa di un ricorso al Tar. Si prevede di chiudere i cantieri in otto mesi.
I tecnici di Mm hanno rassicurato l’assessore ai lavori pubblici Bruno Simini sulla buona riuscita del progetto.
A conclusione dei lavori saranno quattro le stazioni in grado di collegare la periferia più a nord di Milano con piazzale Maciachini (Dergano, Affori centro, Affori Fnm e Comasina) su un percorso di 3,7 kilometri, con un'affluenza prevista di circa 15.000 passeggeri all’ora.
Il sindaco Letizia Moratti ha voluto dipanare ogni dubbio sui fondi per la linea M4 che collegherà Lorenteggio a piazza Vetra arrivando fino a Linate: "I finanziamenti ci sono, sia i nostri che quelli governativi. Il ministro all’economia Giulio Tremonti ha già firmato il decreto per il passaggio dei finanziamenti che erano previsti per la M6 alla M4 e stiamo aspettando che venga pubblicato”.


20 Gennaio 2010 (Corte dei Conti)
La metropolitana non si fa: “Mancano i soldi”

Che manchino 170 milioni di euro per finanziare i secondi lotti della Paullese (e della bretella di San Donato), si sa. Si sa che non si conosce il costo del Ponte sull’Adda (ma di certo anche quei soldi non ci sono); si è scoperto anche che la metropolitana Linea 3 non potrà arrivare a Paullo perché la Corte dei Conti ha revocato la delibera Cipe a riguardo, decretando che, non essendoci copertura finanziaria a riguardo (manca il 40% dei soldi) è inutile procedere. La spesa è di 749,99 milioni di euro e “non è stato chiarito a quali fonti di finanziamento si intenda fare ricorso per la copertura dell’ingente importo necessario alla realizzazione
dell’opera, potendo configurarsi uno spreco di risorse pubbliche ove, successivamente all’approvazione del progetto preliminare, non dovessero risultare reperibili risorse per la realizzabilità in concreto dell’opera progettata”
La Mm ha deciso che riproporrà l’iter (per la terza volta), ma serve un appoggio politico entro aprile (quando Mm farà il suo ennesimo tentativo) per poter sperare di ottenere un risultato. La Corte dei Conti parla di “inadeguata programmazione economico- finanziaria che non ipotizza, anche se in via tendenziale e programmatica, le fonti di copertura per la realizzabilità dell’opera nel tempo. Ovverosia, senza alcuna valutazione sulla programmazione delle opere pubbliche, occorre tuttavia prendere in considerazione il grado di ragionevolezza e di credibilità della programmazione di una opera pubblica, la cui realizzazione si svolga in un ampio lasso di tempo, che appare pregiudicata laddove risulti pretermessa alcuna indicazione delle fonti alle quali fare riferimento per la copertura finanziaria. Tale considerazione si rafforza in ragione dell’ingente costo complessivo dell’opera pubblica e della sua realizzabilità in un lungo lasso di tempo, tanto più se la programmazione economico- finanziaria risulti aleatoria e poco attendibile”. Con le stesse motivazioni, è stata bocciato il prolungamento della linea 2 Cologno Nord-Vimercate.
La magistratura contabile ha infatti rilevato come, del miliardo e duecentosessanta milioni di euro necessari per le due opere, vi siano realmente a disposizione solo l’1%. Per portare la linea gialla sino a Paullo servono 798 milioni e “789,4 sono ancora da reperire” sottolinea la Corte. Per il prolungamento della linea verde fino a Vimercate sono necessari 476,7, ma ce ne sono solo sei. Da notare che, nei mesi scorsi, l’assessore provinciale di Milano, Giovanni De Nicola, con delega alla mobilità, aveva incontrato i sindaci dei paesi interessati dal prolungamento, chiedendo loro soldi. “Si sono chiesti a Settala 9 milioni e 300 mila euro; a Paullo 9 milioni e 500 mila euro e a Peschiera Borromeo 24 milioni, ad esempio”, ha spiegato Enrico Sozzi, sindaco di Settala. “Io ho un avanzo di 5 milioni di euro, ho proposto a De Nicola di sequestrarcelo per finanziare l’opera, dato che, a causa del Patto di Stabilità, non posso farci null’altro, neanche darlo per la metropolitana”.
Spiega Paullo: “A Milano, che è proprietario dell’azienda che realizza e gestisce la metropolitana, sono stati chiesti 9 milioni, cifra esattamente uguale a quella chiesta a Paullo - commenta Claudio Mazzola, sindaco di Paullo - Mi pare assurdo, sfacciato e vergognoso. Li pago subito 9 milioni se poi l’infrastruttura, come nel caso di Milano, resta a me”. Sia Sozzi che Mazzola sono preoccupati. “Penso che si sia venuto a batter cassa per poter dare a noi e al nostro rifiuto - dovuto a dati oggettivi quali la necessità di rispettare il Patto di Stabilità - la responsabilità qualora il prolungamento vada in fumo”, spiega Sozzi. “La Tem sta per arrivare, c’è già il progetto definitivo - allarma Sozzi - Ho incontrato a tal proposito Fabio Terragni, presidente della Tem Spa, che mi ha confermato che tutte le opere secondarie sono uscite dal progetto; ad esempio, per Settala non sarà riqualificata la Sp 161, con grossi problemi di viabilità”.
“Questi problemi, sulla Paullese e sulla Rivoltana, anche, vanno resi pubblici”, consiglia il vicesindaco di Rivolta d’Adda, Ivan Losio, che spiega che “realizzare la Tem per poi lasciare il traffico imbottigliato in entrata o in uscita della strada è antieconomico: o si pensa in modo complesso la viabilità del Sud Milano, o tutti questi investimenti fatti senza un’idea di sistema risulteranno antieconomici e nessuno utilizzerà la Tem, strada privata a pedaggio. L’investimento, per Tem Spa, sarà inutile e in perdita”.
“La Tem porterà il 50% di traffico in più sulla Paullese, mentre noi restiamo in attesa di finanziamenti per portare la metropolitana e ampliare la Paullese”, commenta Mazzola, “Sulla Mm3 non è stato stanziato un euro: lo Stato non ha previsto nessuna voce di spesa. Chiedere ai comuni il 10% della spesa complessiva, quando il restante 90% manca, è ridicolo. Con che obiettivo si agisce così? Per dare ai comuni la responsabilità del fatto che l’opera non si farà? Perché Milano non investe nel prolungamento? I paesi in cui deve arrivare la metropolitana istituiscano nel Pgt una tassa di scopo da devolvere alla realizzazione della Mm3. Questo servirebbe. Ma ricordiamo che la verità è che a bilancio non mancano i 10 milioni di euro di Paullo, ma molto di più”.
Preoccupatissimo Pierluigi Tamagni, ex dipendente Atm e sindaco, sempre in prima linea per metropolitana a Paullo e potenziamento della Paullese. “Quando cala l’attenzione su alcuni problemi succede questo”, dice rassegnato. “La Corte dei Conti si è attaccata alla Via, senza considerare che è regionale, non statale, e quindi non argomento di competenza”, è la lettura che dà Tamagni. “Sono cavilli e contorni: il punto cruciale è il finanziamento. La Corte dei Conti dice, de facto, di non poter dare soldi per un progetto che non sappiamo quando sarà realizzato perché manca il 40% della copertura. Ma sino ad oggi i progetti preliminari, in assenza di finanziamenti, sono sempre stati approvati. E’ strano che ora cambino le carte in tavola, e non venga approvato più neanche il preliminare, seppure è ovvio che il definitivo esecutivo, in mancanza di fondi, non possa avere il via libera. Ma il preliminare serve per capire i costui e vedere dove tagliare, e per farlo si sono spesi 1 milione e 200.000 euro di progetto. E la Corte dei Conti statuta un non luogo a procedere?”
“Ci han fatto rifare il preliminare” (questo era il secondo progetto presentato) “per studiare i tagli da attuare per rientrare nella spesa e poi han respinto il progetto perché non c’è il finanziamento? E intanto, in Lombardia continuano a viaggiare come nel 1800 a causa del fatto che non si investe in infrastrutture che siano fuori Milano”.


01 Aprile 2009 (Giunta Regionale)
Linea gialla a Paullo, la Giunta Regionale dà l’okay

L’assessore regionale alle infrastrutture e alla mobilità, Raffaele Cattaneo, e tutta la sua giunta, hanno approvato i progetti del prolungamento della Linea 2 della metropolitana milanese fino a Vimercate e della Linea 3 fino a Paullo.
Il parere della Regione verrà trasmesso al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per l'approvazione dei progetti da parte del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica).
Per la Linea Gialla, il parere favorevole degli enti locali
interessati è venuto dopo un incontro che la direzione generale dell'assessorato ha convocato il 23 marzo scorso, invitando i rappresentanti delle Province di Milano e di Lodi, insieme con quelli del Parco Agricolo Sud Milano e dei comuni dove si troveranno le fermate: Milano, San Donato Milanese, Peschiera Borromeo, Pantigliate, Mediglia, Settala, Paullo e Zelo Buon Persico. La Linea 3 a Paullo fa parte dell’accordo di programma per la Tem, che comprende anche il potenziamento della mobilità su ferro e del trasporto pubblico locale dell'Est Milanese e del Nord lodigiano. Cattaneo ha spiegato che “la M2 e la M3 sono infrastrutture fondamentali che miglioreranno ulteriormente la mobilità in quelle zone della Lombardia che saranno servite anche dalla Tem. Il Ministero delle Infrastrutture si è impegnato a fare in modo che il Cipe si possa pronunciare entro maggio. Se questo impegno verrà rispettato, entro il 2009 avremo i progetti definitivi e nel mese di febbraio del 2010 si potrà tornare al Cipe per l'approvazione definitiva, così da assicurare l'avvio dei lavori per ottobre 2010 e la conclusione per il settembre 2014”. Il prolungamento della Mm3 a Paullo è stato bloccato lo scorso anno dalla Corte dei Conti, e intanto sta venendo approntato il progetto definitivo (rivisto con una fermata in meno, a Peschiera Borromeo, con una riduzione di costi da 800 milioni di euro a 720.000). “Si deve recuperare il tempo perduto dal blocco della delibera da parte della Corte dei Conti”, commenta Paolo Matteucci, assessore provinciale milanese alla mobilità.


05 Dicembre 2008 (i Verdi)
Ladina e i Verdi: Defendi e La Destra sono demagogici

Per Andrea Ladina, consigliere provinciale dei Verdi, la parola d’ordine è “unire tutte le forze affinché, entro il 2015, il metrò Linea Gialla, dalla stazione di San Donato possa giungere fino a Paullo Zelo Buon Persico!”
Questa la risposta alle lamentele a riguardo fatte su La Cronaca da Simone Defendi di La Destra, cui Ladina risponde con un invito a “allargare il fronte pro metrò”.
“Riteniamo però demagogiche e del tutto inconcludenti le affermazioni di Defendi quando afferma essere inutile il metrò fino a Paullo perché, secondo lui, deve essere portato fino a Crema. Il Defendi con tale sparate mostra di fare un discorso solo ideologico dal momento che ignora studi, dati e proiezioni sui flussi di traffico fatte dall’Atm che rendono irrealizzabile, oggi, un simile prolungamento i cui costi sarebbero inoltre il triplo rispetto al tratto San Donato - Paullo. Già ci saranno enormi difficoltà e fatiche per far giungere la Linea Gialla fino a Paullo vista la scarsità dei fondi per le infrastrutture e vista la scarsa convinzione della Regione governata dal centro-destra che trascura il sud della Lombardia. Dire, come fa il Defendi che è inutile il metrò fino a Paullo, è un’affermazione semplicistica che si spiega non già con il desiderio di far fronte comune di tutte le istituzioni cremasche per avere il metrò sempre più vicino all’Adda, ma con l’obiettivo, un po’ puerile, di avere uno spazio di distinzione rispetto agli altri. E non importa se così facendo ci si copre di ridicolo. Non riempiamo la testa della gente di obiettivi irrealizzabili ma lavoriamo su ciò che si può ottenere”.


04 Dicembre 2008 (Tamagni)
Metropolitana, Tamagni: “Siamo pratici”

Il consigliere provinciale Pierluigi Tamagni (Pd) si è detto basito nel leggere le dichiarazioni rilasciate ieri a La Cronaca da Simone Defendi de La Destra.
“Quando si vogliono lanciare messaggi ai cittadini bisogna essere precisi, diversamente si fa solo demagogia. Quando proponemmo il prolungamento del Mm3, qualcuno ci disse che era solo un sogno e a dire il vero ancora oggi non è una certezza. Il problema sono i costi e, se si vuole essere più realisti del re, pensare ad una metropolitana fino a Crema con i tempi che corrono, non è un sogno, ma una follia. Proprio perchè vediamo in grande e non in piccolo, per Crema si è pensato diversamente: una ferrovia per Treviglio con treno cadenzato e per il cremasco, una ferrovia a Lodi sempre con treno cadenzato”. Il treno cadenzato è quello ogni 15 minuti da Treviglio e, a giugno, anche da Lodi. “Otterremo due ferrovie laterali ed una metropolitana (non una ferrovia) che arriva fino al confine e al centro del territorio cremasco”.
Proprio a questo, puntualizza Tamagni, servono gli incontri pubblici tanto disprezzati da Defendi.
Ieri la Mm, la Regione e la Provincia di Milano si sono recati a Roma per discutere alcune modifiche al progetto del prolungamento fino a Paullo, “modifiche che permetteranno di risparmiare diverse decine di milioni di euro e quindi realizzare il progetto”.
“Ritornando alle questioni tecniche, posso assicurare che Atm n non ha mai fatto uno studio riguardante l’economicità del prolungamento della linea sino a Crema, perché non è mai esistito questo progetto. Atm ha preso in esame solo il tratto in progetto e lo stato attuale del trasporto pubblico, ha evidenziato la convenienza economica di esercizio solo se si arriva alla Strada Cerca. Non è però stato preso in considerazione l'afflusso di passeggeri all'intercambio della Tem. Quindi, tutto da rivedere. Per quel che riguarda i costi dei parcheggi, è impensabile oggi parlare di prezzi per un parcheggio che non c'è”.
“Non voglio fare polemiche e anzi, faccio un appello: solo un territorio unito porta a casa risultati. Ad esempio, Rossoni per noi è stato un punto fermo e se in altre occasioni l'abbiamo criticato, sulla Paullese e sul prolungamento della Mm3 va elogiato. Poi non è detto che un domani con nuove tecnologie e nuove risorse si possa pensare anche ad una ferrovia che colleghi direttamente Crema a Milano, magari tramite Lodi, ma le persone di buon senso sanno che in questo momento bisogna stare con i piedi per terra evitando di sparare cannonate che fanno solo male alle orecchie senza produrre risultati da anni attesi dal nostro territorio. Impegnamoci tutti per recuperare il denaro per finanziare il nuovo Ponte sull'Adda (ci sono a disposizione 5 milioni, quando tutti sappiamo che ce ne vogliono almeno 30). Questi devono essere obiettivi comuni e trasversali, importanti per tutto il territorio”.


03 Dicembre 2008 (La Destra)
“Inutile la metropolitana a Paullo”
La Destra rimprovera la Provincia di non aver lottato per la Mm3 a Crema

PANDINO - Simone Defendi, di La Destra di Crema, contesta la decisione di prolungare il metrò sino a Paullo. Cosa che, tra l’altro, non è più così certa, dato che la Corte dei Conti ha bloccato la delibera Cipe che approvava il progetto del prolungamento della Mm3 e l’opera è in forse.
“A questo proposito - dice Defendi - vorrei aprire un confronto di opinioni e idee con i cittadini, pendolari e forze politiche. Mi chiedo infatti quanto è utile, veramente, per i pendolari in auto cremaschi il prolungamento del metrò solo fino a Paullo. Quanti cremaschi provienienti da Crema, o anche da oltre, che si dirigono in auto a Milano, lasceranno la macchina a Paullo in un posteggio (che forse sarà anche a pagamento)” (in zona ers prevista un’area di interscambio, con parking a silos, e un centro commerciale) “e dovranno pagare il biglietto (di cui non si sà ancora l'importo)” che a San Donato è di 1,60 euro per 6 ore “per recarsi a Milano?”
“Domande a cui qualcuno dovrà dare risposte anche in virtù dello sforzo economico che il progetto richiede”.
“Il dover poi, ancora oggi assistere a riunioni, assembleee e quant'altro sulla metrò Mm3 in cui vengono dette sempre le solite cose, francamente penso annoi un pò tutti. Dopo tanto tempo, è il momento di farle le cose, non di continuare a parlarne”.
“Il punto della questione relativa la Mm3 a Paullo è infatti la viabilità del futuro: togliere auto dalle strade incentivando un tipo di trasporto su rotaia più sicuro e anche più veloce. Continuo invece a sostenere che, per ottenere un vero beneficio da tale progetto, si debba utilizzare una visione d'insieme”.
“Il prolungamento fino a Paullo, a mio avviso, dovrebbe essere solo parte di una linea metropolitana da progettare fino a Crema. Che corra magari anche a fianco della Nuova Paullese. Solo così si potrebbero incentivare molti più pendolari in auto a lasciare la gomma per la rotaia a patto ovviamente che i costi siano popolari”. La Mm3 non arriverà sino a Crema perché da studi di mercato fatti da Atm, risulta che il numero di possibili utenti non giustifichi la spesa. Per arrivare a Crema, inoltre, la Linea Gialla dovrebbe passare anche sopra l’Adda.
“Forse è questo uno dei problemi della nostra Provincia: il pensare in piccolo, che ci rende ancora più piccoli di quello che in realtà siamo”, conclude Defendi.

Note: Qualora qualcuno riscontrasse errori, notizie di parte, documenti non autorizzati o diritti d'autore violati non esiti a contattarci immediatamente.
Per commenti ed invio materiale aggiuntivo contattaci
Per promuovere questa pagina ad un amico clicca qui oppure ricordagli www.rivoltadadda.info