Rivolta d'Adda.info

La Regione dà l’okay all’argine

Tutto (quasi) pronto per i lavori tanto attesi sull’argine dell’Adda
  • Pubblicato in data: 29/11/2014
  • Fonte: Blog Alto Cremasco

Si è svolta martedi 25 novembre la conferenza di servizi durante la quale è stato approvato il progetto definitivo dell’argine in terra che collegherà la strada vecchia per Cassano con la rampa del Ponte sull’Adda, per proteggere il centro abitato di Rivolta d’Adda da eventuali esondazioni future.

La costruzione dell’argine verrà realizzata nel corso del 2015 e comporterà per l’Aipo una spesa di 1.100.000 euro. Alla conferenza dei servizi erano stati formulati, in via preventiva, i pareri ambientali positivi del comune di Rivolta d’Adda, del Parco Adda Sud e della Provincia di Cremona. La Regione Lombardia ha inoltre deliberato l’esclusione della Via, il che – ha spiegato l’assessore Franco Carera – comporterà “un risparmio di almeno 6 mesi sui tempi burocratici”.

Con il nulla osta, l’Aipo inizierà a lavorare al progetto esecutivo e successivamente bandire la gara per affidare i lavori relativi a quest’opera, che riveste un’importanza fondamentale del lungo percorso di messa in sicurezza di Rivolta.

L’argine regolerà, grazie a un sistema di paratoie, il passaggio dei canali idrici verso il paese e consentirà il transito lungo le strade campestri con delle rampe in terra battuta. Gli alberi che necessariamente dovranno essere tagliati saranno ripiantati secondo un progetto condiviso con il Parco Adda Sud, che ha manifestato tutta la sua collaborazione per individuare una soluzione praticabile.

“Non era così scontato portare a casa questo risultato. Grazie alla tenacia dell’ingegner Marco La Veglia dell’Aipo e alla collaborazione di tutti i rivoltani, stiamo per mettere definitivamente in sicurezza il nostro paese. Sin dal suo insediamento, l’amministrazione ha lavorato per sensibilizzare gli enti preposti e sollecitare la realizzazione di quest’opera, che riteniamo fondamentale per la messa in sicurezza del centro abitato di Rivolta da eventuali esondazioni del fiume”.


Condividi questa pagina
Twitter Facebook Google+ LinkedIn

Note: Articolo a cura di Silvia Tozzi
Qualora qualcuno riscontrasse errori, notizie di parte, documenti non autorizzati o diritti d'autore violati non esiti a contattarci immediatamente.
Per commenti ed invio materiale aggiuntivo contattaci
Per promuovere questa pagina ad un amico clicca qui oppure ricordagli www.rivoltadadda.info