Rivolta d'Adda.info

Autovelox lungo la Rivoltana

  • Pubblicato in data: 24/07/2015
  • Fonte: Blog Alto Cremasco

Rifare Rivolta è polemica nei confronti della scelta della Provincia di Cremona di piazzare, tra Trucazzano e rivolta d’Adda lungo la Rivoltana, il limite di velocità a 50 km all’ora.

Ovvero, il gruppo si chiede “come mai le istituzioni provinciali sono spesso assenti su questioni che riguardano il nostro comune, ultimo paese della Provincia di Cremona (ad esempio, il silenzio sulle problematiche della Discarica di Località Zita oppure sulla questione della pericolosità della S.P. 1 per Spino e della S.P.90 per Pandino, già sollevata in c onsiglio comunale), ma poi sono tanto solerti nel piazzare un autovelox, con un limite di velocità poco credibile, per di più indicato su un cartello semi-coperto, che va a colpire tanti cittadini rivoltani che quel tratto di strada percorrono quotidianamente?

Su quali basi vengono fissati i limiti di velocità su quel tratto di strada, considerando l’ambiguità dei cartelli indicanti i limiti posti prima e dopo?

Piuttosto che piazzare un cartello di strada dissestata per un paio di avvallamenti, la Provincia di Cremona non poteva intervenire definitivamente, riasfaltando i punti dissestati e quindi fissando un limite più coerente con le caratteristiche di quel tratto?

Perché, prima di intervenire con l’autovelox, la Provincia non ha pensato di mettere in sicurezza la ben più pericolosa intersezione con Viale Ponte Vecchio?

Negli ultimi anni sono fioccate rotonde ovunque, magari realizzarne una in quel punto potrebbe risolvere il problema sia di far uscire in sicurezza dal paese il traffico veicolare sia di rallentare eventuali novelli piloti di F1…”


Condividi questa pagina
Twitter Facebook Google+ LinkedIn

Note: Articolo a cura di Silvia Tozzi
Qualora qualcuno riscontrasse errori, notizie di parte, documenti non autorizzati o diritti d'autore violati non esiti a contattarci immediatamente.
Per commenti ed invio materiale aggiuntivo contattaci
Per promuovere questa pagina ad un amico clicca qui oppure ricordagli www.rivoltadadda.info